giovedì 8 settembre 2011

Tour della Francia: dalla Loira a Parigi, passando per la Normandia

Clicca qui per il percorso del viaggio...
Questo è il primo viaggio "lungo" che facciamo da quando abbiamo acquistato il nostro camper in maggio, un Autotoller 1 del 2002 su motore Ducato 1.9 TD. 
L'equipaggio: io, mia moglie Patty e nostra figlia Alice di quasi 7 anni. Festeggeremo il compleanno direttamente in viaggio, sia io che mia figlia!


Ma andiamo per gradi....

9 Agosto 2011: si parte! Savignano - Modane (548 km).
Partenza alle ore 5.50 del mattino circa da Savignano sul Rubicone, camper carico (anche troppo!) ed equipaggio pronto. Il contachilometri segna 74'576.
Ci sciroppiamo i 500 km (e oltre) che ci separano dal Moncenisio con qualche breve sosta in autogrill  e alle ore 13.00 circa siamo sul passo dove abbiamo anche il tempo per visitare la chiesa e il museo della Piramide, oltre al giardino alpino dove si possono ammirare molte varietà di piante e fiori d'alta quota tra cui le immancabili stelle alpine.
Cercando un luogo dove passare la notte, decidiamo di scendere a valle verso la Francia invece di restare insieme agli altri camper presenti nel punto sosta in riva al lago sul passo, per via del forte vento (pure freddo) che non invita di certo a passare lì la notte...
Quindi facciamo un altra 30ina di km fino al paesino Modane, dove ci sistemiamo nel parcheggio di un supermercato. Non fatelo, il luogo è rumoroso per via delle auto che passano. Sarebbe stato molto meglio sostare nel parcheggio del "Parcobranche du diable", immerso nel bosco lungo la strada che scende dal Moncenisio qualche km prima del paese di Modane, ma tant'è...
Prezzi e riferimenti: 
Museo Pyramide: adulti 3€, bambini 2€

10 Agosto: Modane-Mâcon (270 km).
Giornata serena e limpida. L'obiettivo è quello di avvicinarci alla valle della Loira per visitare i famosi castelli, ma per non macinare troppi km tutti insieme facciamo una prima tappa qui.

Bourg-en-Bresse, Monastero Reale di Brou
Prima di arrivare a Mâcon, seguendo le indicazioni del fidato navigatore GPS (su cui ho impostato la rotta evitando le autostrade a pedaggio, come suggerito da molti camperisti) attraversiamo la cittadina di Bourg-en-Bresse e non possiamo non fermarci ad ammirare il bel Monastero Reale di Brou, il cui tetto così particolare ci attira da lontano. Curiose anche le numerose statue "galliche" che si vedono un po' ovunque, anche nei pressi del monastero stesso!
Mâcon by night: il centro storico è sulla destra

Dopo una veloce passeggiata ripartiamo alla volta di Mâcon, dove arriviamo nel pomeriggio. Alla ricerca di un'area sosta adatta per il nostro camper, alla fine ci sistemiamo nel parcheggio lungo il fiume nei pressi del centro sportivo, un po' distante dal centro storico, ma in zona tranquilla e con una bella vista sul ponte. Scarico le bici dal camper e partiamo alla scoperta del centro storico. La cittadina è molto moderna e ben tenuta, e nei pressi del centro la banchina del fiume è ben attrezzata ed invitante per una rilassante passegiata. La pista ciclabile che costeggia il fiume passa anche sotto il ponte, permettendo di attraversare a piedi o in bici senza problemi il pericoloso incrocio.
Volendo, sulla sponda opposta del fiume si vedono alcuni camper in sosta, quindi deduco che laggiù ci sia un camping o un'area attrezzata, per chi ne avesse necessità.

11 Agosto: Mâcon - Bourges (254 km).
Bourges
In mattinata si riparte e la prossima tappa è la cittadina di Bourges, dove arriviamo nel pomeriggio. Prima però facciamo sosta per il pranzo in uno dei tanti ristoranti che si incontrano lungo la strada. Ci sono così tante mucche al pascolo nelle campagne che abbiamo attraversato, che siamo curiosi di assaggiare una bella bistecca. A dire il vero servono delle belle mascelle, forse ci hanno rifilato bistecche di manzi un po'.... vecchi! Riproveremo altrove.
Bourges by night
Arrivati a Bourges, questa volta abbiamo necessità di camper-service e di corrente elettrica, così optiamo per il Camping Municipal Robinson, situato a breve distanza dal centro storico. Per chi preferisce un ripiego più economico, bisogna segnalare la presenza di un'area sosta camper gratuita (dotata di colonnina per carico/scarico)  subito a fianco del camping, anche se essendoci passati di fronte di sera, abbiamo notato come sia piuttosto buia, e poco invitante di notte.
Il camping Robinson invece è molto bello, ed i relativi servizi sono puliti e ben tenuti.
Il centro storico di Bourges poi è davvero un gioiellino, con edifici di epoca medievale molto ben conservati, viuzze pedonali e piazzette davvero belle. La cattedrale gotica Sant'Etienne è la ciliegina sulla torta e la relativa visita non può mancare, anche perché all'interno, oltre al grande organo e alle vetrate colorate, c'è un bellissimo orologio astronomico con relativo meccanismo in esposizione.
Non può mancare anche la visita "by night", quando i principali edifici storici (come la cattedrale, ma anche il palazzo di Jacques Coeur) sono illuminati con fari di colore arancio e blu ed è possibile assistere a proiezioni animate con immagini in stile medievale. 

Prezzi e riferimenti.
Camping Robinson: una notte per due adulti + bimba di 7 anni, inclusa elettricità, 20,30 €. Inlcude l'accesso gratuito alla piscina Robinson, situata all'esterno del Camping a breve distanza, anche se non l'abbiamo utilizzata. C'è il wi-fi gratuito, previa registrazione al sito (gratuito).
GPS:  47° 4'20.00"N - 2°23'41.50"E
Camping Municipal de Bourges - 26 boulevard de l'Industrie, 18000 Bourges
Tél. : 00 33 (0)2 48 20 16 85 - Fax : 00 33 (0)2 48 50 32 39 - camping@ville-bourges.fr
 

Area Sosta Camper gratuita a fianco del camping: GPS  47° 4'19.91"N - 2°23'36.51"E 
Altra Area Sosta Camper gratuita asfaltata in via Jean Bouin: GPS   47° 4'38.92"N -  2°23'51.77"E
Château de Chambord

12 Agosto: da Bourges a Chambord e Blois (109 km).
Stanotte è piovuto e anche al nostro risveglio continua a cadere una leggera pioggerella che mi costringe a preparare il camper per la partenza manovrando con l'impermeabile. Dopodiché partiamo. Siamo ormai vicini alla valle della Loira e prima di mezzogiorno arriviamo al parcheggio del castello di Chambord, dove pranziamo in camper prima della visita al castello. Il cielo è grigio, ma non piove più.
Il castello è molto grande ed imponente e all'interno un po' spoglio, anche se non mancano alcune stanze arredate con gli antichi mobili d'epoca. All'esterno i giardini offrono numerosi percorsi naturalistici che si inoltrano nel bosco, che richiederebbero almeno una giornata di soggiorno, ma visto anche il clima non proprio invitante per passeggiare all'aperto ci dirigiamo verso la cittadina di Blois alla ricerca di un'area sosta per la notte. Qui troviamo una gradita sorpresa: proprio in pieno centro c'è un'area attrezzata ad accesso regolamentato con una sbarra, dove è possibile sostare al massimo per 24 ore, ma alla modica cifra di 5 Euro, incluso i servizi di carico/scarico (ma senza elettricità). Ci sono anche i servizi igienici con relative doccie, che però chiudono presto di sera, quando la custode dell'AA chiude la sbarra e se ne va fino all'indomani mattina: chi è dentro è dentro e chi è fuori.... si arrangia!
Château Royale de Blois
Maison de la Magie
Il centro storico si arrampica in verticale, quindi lasciamo le bici sul camper e ci dirigiamo a piedi per una passeggiata. Il castello reale di Blois domina il paese dall'alto, ma non è l'unica attrazione del luogo. Sulla piazza del castello si erge anche la Maison de la Magie, la cui visita ci permette di vedere il museo della magia intitolato a Robert Houdin (da non confendere con Harry Houdini, che pure si ispirò a Robert Houdin per molti dei suoi numeri di magia) e anche di assistere ad uno spettacolo dal vivo.

Prezzi e riferimenti. 
Château de Chambord: parcheggio camper 6€ per 24h - visita castello 9,50€ adulti, gratuito bambini
Château Royale de Blois: adulti 9.50€, bambini da 6 anni in su 4€
Maison de la Magie: adulti 8€, bambini da 6 anni in su 5€
Biglietto cumulativo Maison de la Magie + Château de Blois: 14€
Area Camper attrezzata: in Rue Jean Moulins, segnalata, tariffa fissa 5€ per 24h.
GPS:  47°35'11.52"N - 1°19'35.19"E

13 Agosto: da Blois ad Amboise passando per Chenonceau (73 km).
Château de Chenonceau
Sveglia con cielo ancora grigio, ci spostiamo di poche decine di km per visitare il castello di Chenonceau. Ah, dimenticavo: auguri Sbab, visto che oggi è il tuo (mio) compleanno!! In questo caso mi ero attrezzato preventivamente da casa, avendo scaricato molte informazioni da internet. Per accontentare mia figlia di (quasi) 7 anni, le prendiamo l'audio-guida della visita: per ulteriori 4€ sul biglietto d'ingresso ti forniscono un Apple Ipod, con relative cuffie, con precaricata una bell'App fatta appositamente. In effetti è possibile scaricare quest'app (per il proprio iphone/ipod) anche da casa, quindi eventualmente dateci un'occhiata. Nell'appstore c'è infatti la versione gratuita con audio in solo inglese, mentre per soli 2€ è possibile scaricare quella in italiano, che probabilmente è la stessa che viene fornita al castello (dove però il prezzo di 4€ è giustificato dal "noleggio" dell'ipod).
Zucche giganti dell'Atlantico
Insieme al biglietto d'ingresso inoltre forniscono anche una completa ed esauriente guida sia per la visita dei giardini che per il castello. Davvero molto ben organizzati!
Il parcheggio per i camper inoltre qui è gratuito e oltre alla bellezza degli arredi interni del castello, occorre segnalare anche quella dei giardini dove oltre ai tantissimi fiori (usati poi per abbellire internamente le stanze del castello) sono coltivati anche molti ortaggi davvero "scenografici" come le zucche giganti!
Château Royale de Amboise
Terminata la visita ci dirigiamo verso la cittadina di Amboise, dove dobbiamo anche trovare una sistemazione per la notte. Seguendo i cartelli siamo arrivati sull'Ile d'Or, un'isola nel mezzo del fiume dove si trovano sia l'area camper che il camping municipale. Dopo un primo tentativo per accedere all'area camper, fallito miseramente davanti alla macchina automatica che evidentemente aveva esaurito le tessere magnetiche (si era formata una bella coda di camper davanti all'ingresso con sbarra), abbiamo ripiegato sul vicino camping e alla fine la scelta è stata anche azzeccata visto che per soli 4 euro in più rispetto all'AA abbiamo usufruito anche del minigolf!
Anche Amboise è un bel paese in stile medievale e i siti principali da visitare sono il Castello Reale e il Maniero di Clos Lucé, dove trascorse l'ultimo periodo della sua vita Leonardo Da Vinci. In serata poi abbiamo approfittato di una festa locale per assaggiare qualche specialità gastronomica, gustando baguette al formaggio caprino e uno stufato di carne e verdure direttamente nella piazzetta del centro storico. Un modo diverso per festeggiare il compleanno!

Prezzi e riferimenti: 
Château de Chenonceau: parcheggio gratuito - visita castello 10,50€ adulti, gratuito bambini sotto i 7 anni, 4€ per l'audio-guida.
Château Royale de Amboise: adulti 10€, bambini da 7 anni in su 8.50€
Camping Municipal L'Ile d'Or: una notte in camper per 2 adulti + 1 bambino, senza elettricità, 12,75€ (accesso illimitato al minigolf incluso)
Area Camper attrezzata a fianco del camping: 8€. Accesso con pagamento anticipato mediante carta di credito con microchip oppure con soldi contanti.

14 Agosto: da Amboise a Chinon passando per Villandry (85 km).
Château de Villandry
Al risveglio il cielo è nuovamente grigio e non promette granché ma non ci scoraggiamo. Dopo le operazioni rituali di scarico/carico partiamo nuovamente verso l'ultima tappa nella valle della Loira prima di dirigerci verso la Normandia. Così in mattinata transitiamo nella periferia della città di Tour e proseguiamo fino al castello di Villandry che visitiamo con l'impermeabile per ripararci dalla pioggerella durante la visita ai bei giardini. Questo castello, a differenza degli altri che abbiamo visitato, è stato utilizzato come dimora abituale fino ai primi del '900 e l'arredamento è quindi molto più recente. Le stanze dei bimbi e la grande tavola da pranzo riccamente apparecchiata mostrano la dimensione più familiare di questo castello. Insieme al biglietto d'ingresso viene consegnato anche in questo caso un libretto con una breve descrizione delle varie stanze e dei giardini.
Forteresse Royale de Chinon
Dopo il pranzo in camper (direttamente nel parcheggio del castello, gratuito) ci spostiamo verso Chinon dove decidiamo di passare la notte. Troviamo un punto sosta camper (non attrezzata) in pieno centro, vicino all'ingresso della Fortezza, il sito storico più importante della cittadina, teatro di famosi eventi storici durante la guerra dei cent'anni tra Francia e Inghilterra nel XV secolo, nonché il luogo dove avvenne il famoso primo incontro tra Giovanna d'Arco e il futuro re di Francia Carlo VII (se vi capita di vedere il film "Giovanna d'Arco" di Luc Besson, vedrete che l'ambientazione di molte scene è proprio in questa fortezza a Chinon). Il castello è piuttosto esteso e anche qui forniscono un'utile guida alla visita. Gli interni della fortezza sono spartani e spogli, d'altra parte si trattava appunto di un'edificio a scopo militare/difensivo più che una dimora reale. In alcune stanze inoltre la visita consiste nella visione di alcuni filmati su grande schermo, dove vengono raccontati i momenti storici salienti, anche se in lingua francese e inglese, non in italiano.


Prezzi e riferimenti. 
Château de Villandry: parcheggio gratuito - visita castello 9,50€ adulti, gratuito bambini sotto i 7 anni.
Forteresse Royale de Chinon: visita castello 7€ adulti, gratuito bambini sotto i 12 anni. 
Punto Sosta Camper: GPS  47°10'10.18"N - 0°14'21.77"E

15 Agosto: da Chinon a Mont St. Michel passando per Saumur (315 km).
Sveglia al mattino presto oggi perché ci attende una trasferta lunghetta per arrivare in Normandia. Finalmente le nuvole se ne stanno andando e il cielo è blu tranne che in direzione nord dove i residui nuvoloni all'orizzonte sembra addirittura che si stiano scatenando in un infernale uragano.
In realtà, avvicinandoci mano a mano lungo la strada in quella direzione, ci accorgiamo che quello non è un uragano ma piuttosto il vapore che sale verso l'alto dalle torri di raffreddamento della centrale nucleare di Chinon, tra l'altro la prima centrale nucleare francese in ordine cronologico. Del resto era impossibile non imbattersi in nessuno di questi impianti nel paese che ha la maggior concentrazione di reattori nucleari al mondo....
Château de Saumur
Passato l'uragano e prima di inoltrarci nel profondo nord, facciamo sosta a Saumur, ancora sulla Loira, dove il bel castello ci attira da lontano con la sua classica siluette stagliata sullo sfondo blu del cielo. Lasciamo il camper in sosta e facciamo quindi una passeggiata fino all'ingresso del castello per ammirarlo dall'esterno e finalmente possiamo godere di un'ottima vista panoramica in assenza delle solite nubi grigie.
Prima di ripartire cerchiamo una boulangerie per comprare un paio di baguette e l'impresa è piuttosto difficile visto che quasi tutti i negozi sono chiusi essendo oggi festivo. Ok, tutto pronto, si riparte e questa volta salutiamo davvero la Loira, in rotta verso le spiaggie della Normandia.
Arriviamo a Mont St. Michel nel primo pomeriggio e scatta la ricerca di un'area camper. Avendo letto su internet dei possibili problemi di code e intasamenti lungo l'unica strada che unisce il monte alla terraferma, abbiamo frettolosamente optato per l'area attrezzata che si trova prima di inoltrarsi sulla fatidica strada. Peccato che questa fosse al completo, il che ci ha indotto a ripiegare sul camping adiacente, che però è piuttosto caro, specialmente in rapporto ai servizi forniti: le operazioni di carico/scarico non sono incluse e vanno pagate a parte, ben 2,90€ per soli 100l di acqua....! Per non parlare dei servizi igienici: nonostante questo sia un camping a 3 stelle, sembra proprio di essere in uno dei tanti campeggi che costeggiano la riviera adriatica in Italia..... In confronto, il camping municipale di Bourges era di gran lusso!
Mont Saint Michel con la bassa marea
Mont Saint Michel con l'alta marea
Beh, qui non siamo più tra i tranquilli paesini nella Valle della Loira e questo è il prezzo da pagare per essere in una zona molto turistica: prezzi alti e servizi.... all'italiana! Anche il traffico mi ricorda molto quello che abbiamo lasciato al di là del confine, nel nostro Bel Paese.... Ma la ciliegina sulla torta arriva quando decidiamo di inforcare le biciclette per dirigerci verso il monte e scopriamo che una ruota è bucata! Decidiamo quindi di lasciare al camping le bici inutilizzabili e di andare con il camper.... E a questo punto che facciamo? Ovviamente parcheggiamo il camper nell'apposito parcheggio, poco prima dell'ingresso al monte, dove volendo avremmo potuto anche sostare per la notte, ed assistere così al fenomeno dell'alta marea. Invece no, è pomeriggio e la marea è al minimo, quindi ci limitiamo a passeggiare per le viuzze di Mont St. Michel fino in cima, perlatro un luogo molto suggestivo e che offre stupendi panorami sulla laguna.
Mont Saint Michel by night
Una volta tornati al camping, farò poi una puntatina serale in solitaria, con l'unica bicicletta funzionante, per immortalare qualche foto al mare che nel frattempo ha guadagnato terreno per via dell'alta marea. Lo spettacolo è notevole, sia quello naturale (marea) che storico/culturale (le viuzze del monte mi ricordano un po' quelle di San Marino) e vale la pena, nonostante le disavventure.
Una nota da segnalare: nel supermercato vicino al camping è possibile acquistare molti souvenir ed in particolare le borse riutilizzabili per la spesa sono molto belle e costano solo 1,50€, mentre nei negozietti sul monte c'erano molte borse simili a prezzi fino a 10€!

Prezzi e riferimenti.
Château de Sumur: 3€ adulti, gratuito bambini fino a 7 anni.
Area Attrezzata Mont St. Michel, prima del monte: 8,50€, inluso 1 carico/scarico con 100l d'acqua.
GPS: 48°36'49.53"N - 1°30'27.50"W
Camping: 1 notte per 2 adulti+bambino 20,90€ (no elettricità) + 2,90€ per carico/scarico 100 l. acqua. GPS: 48°36'53.00"N - 1°30'31.34"W
Area Camper lungo la strada del monte: 12€ tariffa fissa, max per 24h
GPS: 48°37'43.19"N - 1°30'20.91"W

16 Agosto: da Mont St. Michel ad Arromanches (152 km).
Inizialmente l'intenzione per questo viaggio era quella di evitare i luoghi del famoso sbarco di Normandia  durante la II Guerra Mondiale, per avere più tempo da dedicare magari alla Bretagna. Per cause di forza maggiore invece siamo partiti con qualche giorno di ritardo e avendo abbandonato l'idea della Bretagna, abbiamo incluso la sosta ad Arromanches visto che si trova sulla via tra Mont St. Michel e Parigi. E direi che abbiamo fatto una scelta azzeccata. Le foto che si vedono su internet dei resti dello sbarco nelle spiaggie della Normandia non rendono giustizia dell'atmosfera che si respira in questi luoghi non appena ci si posa piede. 
Resti dello sbarco sulla spiaggia
Non si tratta di uno spettacolo particolarmente gradevole, dal punto di vista puramente estetico. Ma quei bestioni di cemento e ferro arrugginito dalla salsedine che spuntano dalla sabbia mi riportano immediatamente alla memoria i racconti dei nostri genitori e nonni, che hanno vissuto in prima persona gli eventi terribili di quegli anni. Mia figlia si diverte a correre a piedi nudi sulla grande spiaggia (e ci sono anche alcuni temerari che fanno il bagno!), saltando e girando attorno ad uno di questi grossi "cadaveri", dopodiché approfittiamo dell'orario ancora ragionevole per visitare il "Musée du Débarquement" dove, oltre ai cimeli bellici, si possono visionare due filmati in lingua italiana su grande schermo in cui vengono descritte le principali fasi dello sbarco e gli avvenimenti di quei giorni: davvero toccante ed imperdibile.
Moules a la Marinière
Prima di tornare al camping municipale dove abbiamo lasciato il camper, approfittiamo per concludere la giornata con una cena a base di cozze alla marinara in uno dei ristorantini sulla principale strada del centro, altro appuntamento imperdibile in questi luoghi.

Prezzi e riferimenti.
Musée du Débarquement: 9,50€ adulti, gratuito bimbi fino a 7 anni.
Camping Municipal Les Bains: una notte 17,30€ (no elittricità), inclusi servizi carico/scarico. Bel camping, vicino al centro/spiaggia (si va tranquillamente a piedi, senza bici).
GPS:  49°20'17.17"N - 0°37'35.16"O

17-18-19 Agosto: da Arromanches a Disneyland Paris (325 km).
Domani (18/8) è il compleanno di mia figlia e una delle condizioni che stavano alla base di questo tour era proprio la tappa obbligata al parco Disney per festeggiare un compleanno diverso. Oggi quindi la giornata è tutta dedicata all'avvicinamento al parco, in cui arriviamo in tardo pomeriggio, dopo esserci districati nel traffico della tangenziale di Parigi, grazie al fido navigatore GPS. Abbiamo acquistato i biglietti (per due giornate) in precedenza, approfittando di un'offerta internet del gruppo Letsbonus, grazie a cui abbiamo risparmiato un bel po' di soldini (praticamente la metà!). Siccome però abbiamo in mano solo i voucher stampati dal computer, sono curioso e impaziente di sapere se abbiamo fatto una scelta oculata, quindi percorriamo tutto il viale d'ingresso (grazie al tapis roulant) diretti alle biglietterie, ma mi fermano al controllo sicurezza dove il metal detector si accorge del mio coltellino svizzero che porto sempre con me nel marsupio. Fortuna che oggi sono solo prove generali! Mia moglie quindi resta fuori, mentre io e l'Alice entriamo fino alle biglietterie dove una cassiera (italiana) mi conferma e rassicura sui biglietti. Così torniamo al camper che abbiamo piazzato nel grande parcheggio proprio al termine dei tapis roulant.
Il parcheggio camper in pratica è un enorme piazzale asfaltato. C'è anche un edificio con servizi igienici e doccie riservato ai conducenti autobus, ma nessuno ne vieta l'uso da parte dei camperisti.
I servizi di carico/scarico sono a fianco dello stesso edificio e sono piuttosto "sporchi", quindi munitevi di guanti. Le fontanine per l'acqua hanno filettatura standard, ma sono del tipo con pulsante temporizzato da tenere premuto (o da fissare con semplici fascette di plastica, lasciate lì dai precenti utilizzatori).

L'indomani (18/8) la sveglia è molto mattutina, visto che gli altoparlanti (vicinissimi a noi, visto che sono proprio in corrispondenza dei tapis roulant) iniziano la loro "cantilena" prima delle 7, quindi alle 8 siamo già pronti per partire e con i regali già spacchettati e la candelina soffiata e spenta. Recuperiamo i biglietti "veri" in biglietteria e ci mettiamo in coda davanti ai cancelli aspettando l'apertura.... inutile raccontare il resto, basta sapere che al termine dell'ultima parata dopo le ore 23 ci sono davvero i fuochi artificiali, ma senza "botto" (però molto spettacolari, proprio sopra al castello).
Così trascorriamo anche la seconda giornata al parco (19/8), dedicata questa volta principalmente agli spettacoli degli Studios, finché in serata decidiamo che è ora di ripartire per nuove mete.
L'idea è quella di arrivare al camping parigino del Bois de Boulogne, che però è al completo (come temevo, arrivando senza prenotazione!) e siamo quindi costretti a passare la notte lungo una strada laterale nei pressi del camping, insieme ad una lunga fila di altri camper....


Prezzi e riferimenti.
Parcheggio camper: 20€ al giorno, di cui i primi 20€ si pagano subito all'ingresso con il camper, e gli altri si pagano successivamente nelle casse interne (cassa 8) al parcheggio, sul retro dell'edificio di accoglienza autobus.
Biglietti Eurodisney: ci sono varie soluzioni, dipende da voi. Un solo giorno è sufficiente se volete visitare solo uno dei due parchi e a patto di non pretendere di farvi tutti gli spettacoli (anche se noi siamo riusciti a vedere quasi tutti quelli del parco principale in un solo giorno). Se però volete vedere anche l'altro parco allora due giorni sono il minimo sindacale. Se comprate il biglietto in anticipo sul sito web ufficiale potete approfittare della promozione 2 parchi al prezzo di 1. La stessa promo comunque spesso la trovate anche nei campeggi a Parigi e dintorni. Se invece volete rimanere da 3 giorni in su allora probabilmente vi conviene acquistare il passport (cercate i relativi prezzi sul sito). Altrimenti cercate altre promozioni, come quella che abbiamo trovato noi con il sito Letsbonus. Ne vale la pena, visto che il prezzo intero è esorbitante....


20 Agosto: Maisons Laffitte (83 km).
Al risveglio proviamo nuovamente ad entrare al camping Bois de Boulogne, ma invano. Chiedendo all'addetto all'ingresso, questi mi fornisce l'indirizzo di un camping in un paesino di periferia, località Maisons Laffitte, e vista la situazione decidiamo di provare. Grazie al navigatore riusciamo a districarci tra i vari svincoli autostradali e finalmente arriviamo al Camping International dove c'è abbondanza di posti liberi. Il camping non è affatto male, considerando che siamo vicini alla metropoli. Il conto è comunque salato, visto che si parla di circa 35€ al giorno. E' disposto in un ampio prato in riva alla Senna, fiancheggiato da giardini pubblici e da impianti sportivi. Le piazzole sono molto ampie (come del resto anche negli altri camping francesi in cui abbiamo soggiornato) e dotate di fontanina e attacco elettricità. In pochi minuti a piedi (al massimo 10) si raggiunge la stazione della RER, con la quale si arriva in poco meno di mezzora in centro a Parigi senza ulteriori balzelli di bus o navette.
Dopo le fatiche dei giorni precedenti e visto la bella giornata di sole decidiamo di prenderci una pausa di totale relax, quindi oggi trascorriamo la giornata al camping, giocando a monopoli e facendo una tranquilla gita in bicicletta (che nel frattempo ho riparato grazie ad un Decathlon) a zonzo per il paesino, che non offre granché a parte il supermarket e qualche negozio. Approfittiamo però per acquistare i pass RER/Metro per il giorno successivo.

Prezzi e riferimenti.
Camping International di Maisons Laffitte: 2 adulti +1 bambino elettricità inclusa 36,63€
Camping Bois de Boulogne: consiglio di prenotare in anticipo se volete andarci in alta stagione. Noi non abbiamo trovato posto senza prenotazione!
Pass RER/Metro: biglietto giornaliero adulti "Mobilis" 10,40€ (permette l'uso di tutte le linee RER/Metro e bus nelle aree da 1 a 4, escluso Disneyland Paris, che è in zona 5 e ha un costo diverso) + biglietto giornaliero infrasettimanale ridotto per minori "Visit Paris" a 9,80€. Nei giorni festivi/sabato/domenica per i ragazzi conviene invece il biglietto "Jeunes" che costa solo 7€. Altre info su tutti i pass li trovate qui.

21 Agosto: Parigi!
Assicuriamo le bici nel parcheggio della piccola stazione RER di Maisons Laffitte e partiamo con il treno alla scoperta della Ville Lumière!
Fontana al Centre Pompidou
Prima tappa, ovviamente, è la Tour Eiffel. Siamo abbastanza mattutini e questo è un bel vantaggio visto che ancora non c'è molta fila per salire. L'attesa è breve e siamo già in ascensore e poi via fino in cima, dove l'Alice comincia a sentire gli effetti dell'altezza e si tiene ben lontana dai parapetti! Seconda tappa, dopo una veloce pausa panino nei giardini degli Champs de Mars sotto la torre, è Notre Dame che raggiungiamo con la metro e dove una leggera e improvvisa pioggerella ci costringe a indossare gli impermeabili.
E da qui proseguiamo a piedi passando per il Centre Pompidou con le strane fontane colorate, e poi la Tour St. Jacque, la Rue de Rivoli, le Pont Neuf con le bancarelle degli artisti ambulanti lungo la Senna, fino ad arrivare alla chiesa Saint-Germain l'Auxerrois ma soprattutto all'antistante palazzo del Louvre
Vista sul Pont Neuf
Piedi ammollo presso il Louvre
Qui ci fermiamo, un po' per riposarci e un po' per ammirare la grandezza e lo sfarzo delle immense facciate. La giornata nel frattempo si è rasserenata e il caldo si fa sentire tanto che molti turisti approfittano della grande fontana vicino alle piramidi di vetro per rinfrescare i piedi e anche noi non resistiamo alla tentazione!
Intanto si fanno le 17 del pomeriggio e incuriositi dalla grande piramide di vetro che dà accesso al museo decidiamo di entrare, nonostante manchi solo un'oretta alla chiusura. Visto il poco tempo a disposizione, ci concentriamo sull'ala dedicata all'Antico Egitto, dove possiamo ammirare non solo tantissimi oggetti provenienti dalle tombe di faraoni e altri personaggi importanti dell'epoca, ma addirittura intere parti di templi, con le relative colonne e statue giganti di Ramses. Sembrava di essere tornati sulle sponde del Nilo o nella valle dei Re.... Purtroppo il tempo è davvero troppo poco, servirebbe un'intera giornata dedicata solo a questo museo, e negli ultimi minuti prima della chiusura corriamo attraverso i lunghi corridoi, sorpassando decine di stanze zeppe di statue e dipinti di ogni genere e provenienza con l'obiettivo di poter vedere il quadro della Monnalisa (nuovamente, perché entrambi avevamo già visitato il Louvre una ventina d'anni fa...). E nuovamente restiamo un po' titubanti e dubbiosi davanti a questo piccolo quadro, così famoso nonostante non abbia nulla di tanto spettacolare, ad un primo impatto, rispetto alle tele giganti che sono esposte nella parete opposta della sala! 
Stanchi ma soddisfatti raggiungiamo l'ingresso della metro e torniamo al camping. Domani un altra giornata di tour parigino ci attende!

Prezzi e riferimenti.
Tour Eiffel: ascensore fino all'ultimo piano, adulti 11,80€ - bambini 4-11 anni 9,30€
Museo del Louvre: adulti 10€, gratis per i minorenni e gratis per i ragazzi fino a 25 anni studenti nella comunità europea.


22 Agosto: Parigi - II parte!
Artisti di strada a Montmartre
Sacré Coeur de Montmartre
Di nuovo con i biglietti in mano per la RER/Metrò, prendiamo la linea rossa in direzione Paris e questa volta scendiamo dalla metro vicino alla basilica del Sacré Coeur de Montmartre. Bisogna scarpinare un po' per arrampicarsi fino in cima alla collina di Montmartre, ma in compenso da lassù si può godere di un bel panorama sulla città. La basilica inoltre è a libera entrata e occorre il biglietto solo se si vuole visitare la cupola. Intorno alla basilica inoltre alcuni artisti di strada rendono l'atmosfera davvero parigina e mia figlia rimane incantata ad osservare prima un anziano signore intendo a dipingere un quadro con i suoi colori ad olio, poi una variopinta e floreale signora che suona la fisarmonica e infine un musicista alle prese con un'arpa sulle note della Vie en Rose, tutto molto pittoresco!
I velieri nei Jardins du Luxembourg
L'Arc de Triomphe
Dopo un nuovo trasferimento in metrò ci avviciniamo al quartiere latino e facciamo una sosta al parco dell'Hotel Les Jardins du Luxembourg, dove mia figlia non resiste alla tentazione del piccolo marinaio e per 2 euro noleggiamo (per mezz'ora) un modellino in legno di veliero che il vento spinge sull'acqua della grande fontana nel parco. Poi, dopo il pranzo nel vicino McDonald, gironzoliamo per le vie del quartiere latino, passando a fianco di alcuni edifici della Sorbonne, altri istituti universitari e il monumento/chiesa del Pantheon.

Infine, riprendiamo il metrò in direzione del camping ma non prima di un'ultima tappa all'Arc de Triomphe e annessi Champs Elysées.

23 Agosto: da Maisons Laffitte a Moulins (340 km).
Dopo aver sbrigato il checkout al camping, con il camper pronto per la nuova trasferta ci ributtiamo per strada in rotta di avvicinamento verso l'Italia. Per non macinare troppi km tutti insieme decidiamo di fare tappa a Moulins, circa a metà strada tra Parigi e il Moncenisio. Come al solito ci affidiamo alle direttive del navigatore GPS che però questa volta decide che la strada migliore da fare passa proprio attraverso Parigi! E così ci ritroviamo a manovrare con il camper prima sotto i grattacieli del quartiere La Defense (dove le strade sono tutte in rifacimento e i cantieri stradali sono numerosi) e poi addirittura fino all'Arco di Trionfo che avevamo visitato appena il giorno prima! Poi finalmente ci incanaliamo su una tangenziale periferica e usciamo dal traffico della metropoli. E poi si torna al paesaggio tipico dell'entroterra francese, con strade lunghissime e diritte che attraversano su e giù la campagna leggermente collinare, le mucche al pascolo ovunque e ogni tanto qualche paesino con le casupole color panna e i tetti aguzzi.
La cattedrale di Moulins
Dopo una sosta pranzo in un ristorante specializzato in frittura (dove però il piatto forte è la carne di manzo...), arriviamo a Moulins nel tardo pomeriggio. Questa non era una meta preparata a tavolino prima della partenza, quindi non avevo nessun riferimento o indicazione per trovare un'adeguata area di sosta. Ma dopo l'esperienza della prima settimana di viaggio ho imparato che le aree camper oppure i camping sono di solito situati lungo la riva del fiume, se questo attraversa la città. E infatti attraversiamo il paesino fino a giungere sulla riva opposta del fiume dove troviamo un'area attrezzata per "campingcars", il cui accesso è completamente automatico: basta inserire il numero di targa del veicolo e la macchinetta ti sforna una tesserina magnetica con cui si apre la sbarra d'accesso. Il pagamento si fa all'uscita, ma ATTENZIONE perché si accettano solo carte di credito con microchip (niente cash!). E la spesa per la sosta è ridicola: solo 0,10€ all'ora! All'interno dell'area (molto ampia, su prato, in riva al fiume.... insomma davvero bella!) ci sono le colonnine a gettone per la corrente elettrica e anche le operazioni di carico/scarico si fanno mediante gettone.
Le guglie di Moulins
Ci sistemiamo, scarichiamo le bici e partiamo alla scoperta del paese che è di nuovo in tipico stile medievale come per i paesi che abbiamo visitato la settimana prima nella valle della Loira. C'è una bella cattedrale gotica, a libero accesso, in cui è possibile ammirare il famoso (a quanto pare...) trittico du Maître de Moulins. Lo skyline della città, vista dalla sponda del fiume opposta al centro storico è inoltre molto suggestivo: oltre alle due guglie della cattedrale ci sono anche le due guglie di un'altra chiesa sempre in stile gotico e il quartetto di guglie di colore diverso formano un panorama molto particolare. Al ritorno dal giro in bici io e mia figlia non resistiamo alla tentazione di scendere in riva al fiume Allier, dove altre persone del luogo prendono il sole e fanno anche il bagno. Noi ci limitiamo a un bel pediluvio e approfittiamo anche per portarci a casa qualche ciotolo di fiume per ricordo. 
Infine cena all'aperto sotto la veranda del camper e passeggiata nel bar adiacente all'AA, lungo la riva del fiume, prima di andare a nanna.


Prezzi e riferimenti.
Area camper attrezzata: 0,10€ all'ora (noi abbiamo speso la bellezza di 1.70€!). Servizi a parte a pagamento. GPS:  46°33'28.30"N - 3°19'29.21"E
Cattedrale: ingresso gratuito. Visita al trittico: ogni mezzora, con contributo gradito di 3€ a persona, non obbligatorio ma "consigliato".


24 Agosto: da Moulins a Modane (407 km).
Sveglia presto oggi perché ci attende una trasferta molto lunga di oltre 400km. All'uscita dall'AA di Moulins abbiamo qualche difficoltà nel pagamento della sosta, visto che la macchinetta automatica si rifiuta di accettare la mia carta con microchip. Per fortuna l'importo è talmente basso che non abbiamo problemi a pagare in contanti al primo camperista che attende in fila il suo turno dietro di noi.
Il Fort Marie-Thérèse
Ci rimettiamo in marcia e con qualche sosta lungo il tragitto arriviamo a Modane nel tardo pomeriggio. Questa volta però, ricordandomi di aver visto un bel parcheggio nei pressi di un parco fuori dal paese, lungo la strada che sale sul Moncenisio, decidiamo di provare lì invece che sostare nel paese.
Sentiero nel parco
La scelta è azzeccata perché il "Parcobranche du diable" è un luogo molto bello, immerso nella natura e base di partenza per numerosi sentieri trekking. Meriterebbe la visita al parco avventura vero e proprio, dove oltre a molti percorsi adatti a tutti dai 6 anni in su, c'è anche una spettacolare Tyrolienne du Paradis lunga oltre 600m e a 180m di sbalzo sopra una stretta gola! Noi ci limitiamo ad una passeggiata nel bosco, per ritemprarci al fresco prima dell'ultima lunga trasferta di domani. Intanto, altri camper si sono uniti a noi in parcheggio libero, così trascorriamo la notte tranquilli in un luogo molto silenzioso e con un panorama mozzafiato.

Prezzi e riferimenti.
Parcobranche du diable: GPS N 45° 12,472' - E 6° 44,179'

25 Agosto: da Modane fino a casa....
Dopo il risveglio salutiamo il cielo limpido e l'aria frizzantina delle Alpi francesi e puntiamo il camper verso il Moncenisio, ancora decisi a non pagare balzelli per i vari trafori.
Dopo meno di un'oretta siamo nuovamente in sosta nei pressi della Pyramide, dove approfittiamo per riempire tutte le bottiglie e le taniche con la fresca acqua di sorgente, che ci porteremo a casa.
Dopodiché salutiamo il fresco per l'ultima volta e ci buttiamo in discesa verso l'Italia.... dove ci aspettano quasi 40° di temperatura, il frigorifero di casa rotto che non riparte e il freezer che inavvertitamente il sottoscritto aveva scollegato dalla corrente elettrica prima della partenza.... Immaginate che bel rientro!! Si stava decisamente meglio qualche ora fa, ma, si sa, le vacanze non durano mai abbastanza...
Per finire, il contachilometri del camper segna 78102 km, ben 3526km in più rispetto alla partenza!

Al prossimo viaggio!

Nessun commento:

Posta un commento